Home

La settimana scorsa sono stata lì lì per superare quella sottile linea rossa. Ero stanca, anzi stanchissima, e in ansia per le tante (troppe) cose da fare. Mi sentivo oppressa e incapace di reagire.

In queste condizioni si avvia una sorta di processo di degenerazione dei miei pensieri e delle mie sensazioni; sento che c’è qualcosa di profondamente sbagliato nella vita che conduco, nelle scelte che compio, nella mia difficoltà a curare le relazioni umane. Un disastro.

Per fortuna poi questo momento passa, almeno per un po’. Perché ho sempre avuto un grande istinto di conservazione: nonostante tutto, anche nei miei momenti peggiori mi voglio bene.

E così mi ritaglio del tempo per me, torno a star bene per un po’, e mi rendo conto di quante cose belle la vita possa riservarci. Certo, sono contenta e grata di poter fare un lavoro che mi piace. Ma devo costantemente ricordarmi che c’è dell’altro, e che serve un equilibrio fra i diversi aspetti della mia vita, altrimenti tornerò a correre su quelle maledette montagne russe, e non è detto che non mi venga in mente di voler scendere proprio quando sono in alto, lontanissima da un sicuro atterraggio.

C’è una tensione costante fra quello che mi impongo di fare e quello che davvero posso riuscire a gestire serenamente. Quando programmo le mie giornate e le mie settimane fingo di non sapere che possono esistere degli imprevisti. Che a volte, dopo l’ennesima notte in cui mi concedo solo poche ore di sonno, la sveglia potrebbe suonare e io non sentirla. Che potrei non essere sempre al 100% (capita, siamo esseri umani), e bloccarmi per uno dei miei frequenti mal di schiena.

Perché dunque “tirare” sempre fino all’ultimo respiro? Forse sono i miei tanti (ora lo posso dire: troppi) anni da libera professionista, forse il mio ottimismo innato, perché penso sempre che me la caverò. (E siamo onesti, è una vita che me la cavo, e continuo a sentirmi quell’alunna un po’ discola che però non veniva mai bocciata). Forse è anche la paura di ritrovarmi dove ero qualche anno fa, senza una briciola di autonomia, costretta a fare economie per permettermi di togliermi qualche sfizio.

Ma diciamocelo chiaramente; non importa come mai sia stato così finora, importa quello che verrà nei prossimi mesi e nei prossimi anni.

Arriva un momento della vita in cui hai superato parecchie prove, e puoi guardarti allo specchio sorridendo, e darti pure una pacca sulla spalla. Proprio in quel momento, stranamente, inizia a importarti meno della tua immagine riflessa. Ti guardi intorno per vedere cosa ti circonda. Ti sei lasciato dietro molte macerie? Puoi fare affidamento sull’affetto e sulla stima delle persone che per te contano? Riesci a ritagliarti qualche scampolo di tempo per continuare a imparare, crescere, sognare? Ogni giorno, dedichi un pensiero a qualcuno a cui vuoi bene? Trovi un momento per meravigliarti e sorridere? Continui a pensare alla musica, all’arte, ti emozioni per un libro? Certi colori del cielo ti commuovono?

Per me la vita è questa: una canzone che non ti esce dalla testa, lo spaesamento di quando il vento gira e l’aria cambia, un ricordo del passato da accogliere con un sorriso, il calore di un abbraccio, l’intesa con altri esseri umani, la capacità di trovare del buffo anche nel tragico, e di capire che pur accettandoci possiamo sempre continuare a lottare per diventare una versione migliore di noi.

Siamo tutti animali, semplici ed essenziali nonostante tutti i nostri pensieri e le nostre opprimenti sovrastrutture. Nella nostra vita iper organizzata, iper scandita, piena di obblighi e prescrizioni, riusciamo a vedere ancora un briciolo di magia?

Se la risposta è sì, non tutto è perduto. Non abbiamo ancora attraversato la sottile linea rossa e se siamo fortunati non la supereremo mai, perché è così che abbiamo deciso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...