Home

Eccomi qua nella mia piccola Punta Marina Terme, una delle località meno inflazionate della Riviera Romagnola e – di conseguenza – una delle migliori dove andare quando si ha voglia di scappare dal caos (e dal caldo, e dalla frenesia) di una metropoli o presunta tale. Venendo da Milano basta imboccare la A1 e, a Bologna (che si annuncia coi suoi colli, decorati dal Santuario di San Luca) scegliere la A14 in direzione Ancona. Se non si viene troppo funestati dal traffico, due ore e mezza sono sufficienti per riuscire finalmente a cogliere la svolta verso Ravenna. Ed è proprio lì, sulla A14dir, che di solito abbandono l’atmosfera rarefatta dell’aria condizionata e tiro già i finestrini, perché a seconda di come tira il vento, forse riuscirò ad annusare un po’ di salsedine. Certo, cari amici, non è il mare caraibico e neppure quello di alcune nostre regioni. Però è un mare onesto, tranquillo, e se ci si va al mattino le acque, calme e limpide, invitano a lunghe e sicure nuotate. Approdo a casa dei miei mediamente stanca ma molto contenta, ché ad accogliermi trovo sempre il mio gatto, qualche riposante chiacchierata e il più delle volte ottima cucina (quando torna il figliol prodigo, lo si prende puntualmente per la gola). Quando sono qui cerco sempre di fare le cose che non posso fare altrove: lunghe passeggiate in spiaggia o in pineta, riposanti pedalate, incontri (senza fretta e senza stress) con gli amici. Vagando da Punta Marina a Ravenna, percorrendo le strade alberate tranquille dove non si ode sferragliare di tram e passando attraverso piazze animate da placide conversazioni, mi trovo a rivalutare i luoghi da cui per tanti anni ho cercato di fuggire. Mi rendo conto insomma, col senno di poi, di capire perfettamente perché le tristi genti nordiche calano verso le nostre spiaggie e affollano i nostri locali, fosse anche per un ritagliatissimo weekend. Perché alla fine qui si vive bene, con ritmi umani, in un ambiente tutto sommato accogliente. Poi certo, non esiste il luogo perfetto, e non rimpiango affatto gli inverni grigi e immoti, dove tutto il movimento dell’estate sembra solo un lontano ricordo, difficile persino da rievocare. Ma tant’è che ancora torno, in questo pezzettino della mitica Riviera, e me lo godo come non mai.

Annunci

One thought on “La mitica Riviera Romagnola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...