Home

Ognuno di noi, nella propria vita, ha priorità ben precise. Per qualcuno gli amici, per altri la vita lavorativa, o ancora gli ideali. E naturalmente l’ordine di preferenza può cambiare in base all’età e alla fase che stiamo attraversando – personale e storica. In questa fase personale e storica sto cercando di darmi da fare sul fronte degli ideali, cosa piuttosto difficile. Quando il lavoro ha a che fare con gli ideali, si sviluppa una malsana commistione fra la vita professionale e la vita tout court. Forse proprio per questo ogni tanto sento con forza la necessità di abbandonarmi all’essenziale. L’essenziale in questi giorni? La luce abbagliante di un cielo romano dopo un lungo inverno fra Milano e Bruxelles, l’emozione di vedere strade piene di gente e energia. Il vento tiepido che percorre le strade e ti entra, liberatorio, nei polmoni. Quasi il soffio di una vita che rinasce dopo aver respirato per mesi la soffocante cappa – materiale e simbolica – che aleggia su Milano. Mi sono chiesta: contano di più le parole che aleggiano al teatro Capranica per la Conferenza Nazionale delle donne democratiche, o conta di più l’atmosfera della strada? Conta la prima solo se finalizzata a trovare una relazione con la seconda. Altrimenti, conta esclusivamente la seconda. L’enunciazione di buoni principi, disgiunta dalla pratica, non ha mai salvato il mondo.

In questo momento le donne sono insorte, e con esse tanti uomini che probabilmente si rendono conto di quanto una società come la nostra – con sempre meno servizi sociali, meno uguaglianza, meno rispetto – sia peggiore da vivere per tutta la popolazione e non solo per la sua componente femminile. E’ stata bella e importante la piazza del 13 febbraio, l’eco si è sentita non solo in tutta Italia, ma anche nel mondo. Dove si sono resi conto che dopotutto non siamo ancora civilmente morti. E allora perché solo donne al Capranica? perché recriminare fra di noi quando dobbiamo agire nella società? Certo, è importante ritrovarsi, raccontarsi esperienze, ma i nostri problemi già li conosciamo. E sono problemi del Paese intero, della società intera e del PD nel suo complesso. Paritario quanto si vuole, il PD, ma la strada da fare è ancora tanta. Per esempio? Avrei voluto una grande assemblea dove le donne parlavano e gli uomini ascoltavano. Non una congrega di donne con soltanto Pierluigi Bersani e qualche sparuto spettatore maschio a rappresentare la controparte maschile. Ma ci vogliamo rendere conto che le cose le si cambia insieme? E quindi andiamo oltre a questi momenti. Riconosciamone l’importanza simbolica, ma riconosciamo anche che se vogliamo che abbiano un impatto su quella famosa strada, bisogna andare ben oltre. Poi c’è un altro aspetto. Ovvero: tenersi coi piedi immersi nella vita reale. Perché la politica è importante, l’ideale è importante, ma diventa ancora una volta vuoto se non conosciamo ciò che ci sta attorno. Dobbiamo annusare la realtà e farcene impregnare fino nel profondo. Così da un lato sono stata ben contenta di abbandonare i fasti della primavera romana per immergermi, poche ore dopo, nelle note dei Verdena. E anche lì sono stata colpita dall’immediatezza di quel piacere. Farsi invadere dalle note, sprofondare nelle atmosfere a tratti frenetiche e a tratti sognanti, essere in mezzo a una folla di sconosciuti accomunati dalla stessa passione. Cantare, e muoversi a tempo, ed essere poco più di un animale a sangue caldo alle prese con ritmi e suoni. Cosa conta davvero? In questo momento, conta inseguire un ideale. Ma senza mai dimenticarmi dei piaceri semplici e onesti, della terra e del fango, del sole e del vento.

Annunci

2 thoughts on “Quel che davvero conta

  1. Pingback: Quel che davvero conta

  2. Pingback: Quel che davvero conta | Notizie Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...